Con la PEC il Paese risparmia 2 miliardi

In Italia le caselle attive hanno ampiamente superato il traguardo dei 10 milioni per oltre 2 miliardi di messaggi scambiati all’anno.

Il paese con le PEC avrebbe un risparmio di almeno 2 miliardi di euro.

Che la Posta Elettronica Certificata, PEC sia utile è ormai un dato di fatto e, per alcuni è ormai praticamente obbligatorio.

In Italia le caselle attive hanno ampiamente superato il traguardo dei 10 milioni per oltre 2 miliardi di messaggi scambiati all’anno.

I benefici netti complessivi della PEC si attestano su un valore medio di circa 2 miliardi di euro sul mercato italiano nel periodo compreso tra il 2008 e il 2019. Valore che cresce ulteriormente nella proiezione dal 2020 al 2022.

Aruba dice che nel 2019 i principali titolari di caselle Aruba PEC sono stati proprio i soggetti che non avevano l’obbligo legale di usarla, ossia i privati (oltre il 40%), seguiti dalle ditte individuali (circa il 25%), dalle aziende (altri 25%) e dai liberi professionisti (circa il 10%).

Marco Di Luzio, Chief Marketing Officer di InfoCert, rimarca l’importanza ormai acquisita dalla PEC.

Questo studio conferma quanto la PEC sia diventato e sarà sempre di più un irrinunciabile strumento di uso quotidiano per tantissimi cittadini, professionisti e imprese.

Il suo successo è determinato dalla sua semplicità d’utilizzo, dalla sicurezza dei dati trasmessi e dalla sua versatilità sia per i comuni cittadini che per le organizzazioni più complesse.

Con risparmi economici e di tempo, nonché benefici ambientali che vanno a vantaggio degli utilizzatori e anche del Paese.

Marco Simeone
Mi chiamo Marco Simeone, mi occupo di consulenza informatica, assistenza e formazione in ambito Web e digital marketing. - Chiedimi una consulenza -
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on google
Google+

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: